ITALIA FRA ROSSO E ARANCIONE DAL 24 DICEMBRE AL 6 GENNAIO

[cmsmasters_row][cmsmasters_column data_width=”1/1″][cmsmasters_text]

 

Dal 24 dicembre al 6 gennaio l’Italia sarà zona rossa nei giorni festivi e prefestivi e zona arancione nei giorni lavorativi.   Il provvedimento è stato deciso  durante il vertice  per stabilire alcune limitazioni fra il 24 dicembre ed il 6 gennaio per limitare i contagi durante le festività natalizie.

Queste le principali disposizioni.

dal 24 dicembre al 6 gennaio nei giorni festivi e prefestivi. Si esce di casa solo per ragioni di lavoro, necessità e salute. E’ possibile ricevere nella propria abitazione fino a 2 persone non conviventi con eventualmente i propri figli minori di 14 anni. “E’ una misura che abbiamo pensato per consentire quel minimo di socialità che si addice a questo periodo”. Ha detto  il premier Giuseppe Conte in conferenza stampa da Palazzo Chigi.

LEGGI ANCHE  NATALE E COVID, SECONDO BOCCIA GESÙ “POTREBBE NASCERE DUE ORE PRIMA”

Durante le  festività si potrà uscire fuori  dal territorio dei piccoli Comuni sotto i 5mila abitanti, entro i 30 chilometri. Nella bozza le visite  consentite per al massimo 2 persone non conviventi sono consentite per una volta al giorno  fra le  5 e le 22.

BAR E RISTORANTI CHIUSI

Per le attività della ristorazione, che potranno operare solo con l’asporto ed il delivery, previsti “ristori” per 645 milioni di euro  con  stanziamenti a fondo perduto del 100% in base al precedente decreto.

“Fino alle 22 sono possibili le funzioni religiose”. Il “coprifuoco” resta alle 22. Gli under 14 esclusi dal calcolo. Nei giorni lavorativi si torna in arancione  ed i negozi potranno restare aperti fino alle 21.
LEGGI ANCHE  ZONE ROSSE. SI DIMETTE IL COMMISSARIO DELLA SANITA' DELLA CALABRIA

 

 

[/cmsmasters_text][/cmsmasters_column][/cmsmasters_row]

Facebook
Twitter
LinkedIn
WhatsApp
Email
SEGUICI SUI SOCIAL

IN EVIDENZA

PIÙ RECENTI

PIÙ LETTI