I PITONI MESSINESI DI NATIA ZULLO

[cmsmasters_row data_width=”boxed” data_padding_left=”3″ data_padding_right=”3″ data_top_style=”default” data_bot_style=”default” data_color=”default” data_bg_position=”top center” data_bg_repeat=”no-repeat” data_bg_attachment=”scroll” data_bg_size=”cover” data_bg_parallax_ratio=”0.5″ data_padding_top=”0″ data_padding_bottom=”50″ data_padding_top_large=”0″ data_padding_bottom_large=”0″ data_padding_top_laptop=”0″ data_padding_bottom_laptop=”0″ data_padding_top_tablet=”0″ data_padding_bottom_tablet=”0″ data_padding_top_mobile_h=”0″ data_padding_bottom_mobile_h=”0″ data_padding_top_mobile_v=”0″ data_padding_bottom_mobile_v=”0″ data_shortcode_id=”6vp5x5ml6″][cmsmasters_column data_width=”1/1″ data_bg_position=”top center” data_bg_repeat=”no-repeat” data_bg_attachment=”scroll” data_bg_size=”cover” data_border_style=”default” data_animation_delay=”0″ data_shortcode_id=”f7hnh8t2kd”][cmsmasters_text shortcode_id=”gibgyy7d5x” animation_delay=”0″]

Quella dei pitoni è una ricetta tradizionale della rosticceria messinese, ma che qualcuno si diletta a fare anche in casa. Natia Zullo, la cuoca che oggi ce la presenta racconta di averla appresa da bambina, ma di averla leggermente rivisitata con il tempo, per rispecchiare i gusti della sua famiglia.

Semplicità è la parola d’ordine per realizzarla. Una ricetta alla portata di tutti, da realizzare insieme ai nostri cari, magari in questi giorni di Natale.

Ingredienti per 6-8 persone:

1 kg di farina di semola (o quella che preferite, potete anche utilizzarne due tipi)

800 gr di provola

LEGGI ANCHE  L'IMMACOLATA E LA ROSA

1 o 2 piedi di scarola riccia

2 pomodori

Un pizzico di pepe

Sale q.b.

Acciughe sott’olio a piacere

Acqua tiepida ½ litro + q.b.

1 litro di olio di semi.

Preparazione:

Pulire la scarola e tagliarla finemente. Metterla in uno scolapasta e aggiungere il pomodoro pelato, sale e pepe. Lasciatela scolare qualche minuto prima di utilizzarla.

Impastare la semola con il sale e l’acqua tiepida (potete mischiarla con la farina che più preferite), fino al raggiungimento della consistenza desiderata. La pasta si deve staccare dal tavolo e il dito deve affondare senza attaccarsi all’impasto. Aggiungere un cucchiaio e mezzo di olio circa e amalgamare bene.

Non facciamo lievitare la pasta, diversamente da molti rosticcieri, per rendere il pitone finito leggermente croccante sui bordi.

Dividere la pasta in panetti da 50 gr circa e stenderla creando una forma circolare. Lo spessore deve essere di pochi millimetri, non troppo fine in modo che non si spacchi in cottura.

LEGGI ANCHE  FESTA DELLA MAMMA: 5 IDEE REGALO LOW COST E HIGH COST PIÙ UN JOLLY

Riempire il pitone con la scarola, la provola e le acciughe: in questo passaggio potete agire a vostro gusto, variando gli ingredienti del ripieno.

Chiudere il pitone a portafoglio e schiacciare il bordo con una forchetta, se siete muniti del classico stampino potete usare quello, stando attenti ad appoggiare la pasta nello stampino prima di riempirla, facendola sbordare di almeno ½ centimetro.

Intanto che terminate di riempire i pitoni mettere l’olio a scaldare in una pentola dai bordi alti (questo metodo è funzionale a sporcare meno possibile la cucina) con fiamma media, per capire quando sarà pronta immergere un pezzo di pasta o uno stecchino, se friggono sarà pronta.

Cuocere i pitoni fino al raggiungimento della doratura desiderata. Una volta cotti metteteli in un contenitore rivestito con carta assorbente.

[/cmsmasters_text][/cmsmasters_column][/cmsmasters_row]

Facebook
Twitter
LinkedIn
WhatsApp
Email
SEGUICI SUI SOCIAL

IN EVIDENZA

PIÙ RECENTI

PIÙ LETTI