MESSINA: POSSONO RIAPRIRE ASILI NIDO E SCUOLE PER L’INFANZIA. LE ALTRE DOPO LO SCREENING

[cmsmasters_row][cmsmasters_column data_width=”1/1″][cmsmasters_text]

Dopo le notizie susseguitesi per tutta la giornata di oggi circa l’apertura di alcune scuole (private, gli Asili Nido,  Scuole dell’Infanzia e ludoteche) il sindaco di Messina Cateno De Luca ha fatto chiarezza su tutto quello che riguarda le scuole e sulla sua pagina facebook ha spiegato cosa è previsto da domani lunedì 30 novembre.

– Dal 30 novembre al 5 dicembre staranno chiuse tutte le scuole primarie e secondarie di primo grado, pubbliche, private e paritarie, per consentire l’esecuzione degli screening della popolazione scolastica su base volontaria che avverranno dall’1 dicembre al 6 dicembre;

– Gli esami si svolgeranno secondo un calendario predisposto dal Comune di Messina con l’Asp di Messina sulla base delle adesioni inviate dagli istituti scolastici, e sarà pubblicato anche sul sito del Comune;

– Gli esami si svolgeranno o presso le sedi degli Istituti scolastici, oppure presso l’area del mercato ex Mandalari sul Viale Giostra, secondo il calendario che verrà pubblicato entro domani ore 14:00

⁃ I primi esami si svolgeranno martedì 1 dicembre 2020 presso l’area ex Mandalari a Giostra, alle 9,00 con la scuola I.C. San Francesco di Paola e alle 14,00 con l’I.C. Albino Luciani;

LEGGI ANCHE  EX GAZOMETRO: DA SABATO 9 I TAMPONI SU PRENOTAZIONE AL DRIVE-IN

– Dopo l’esecuzione dello screening, ogni Istituto dovrà aspettare 48 ore. Se entro tale termine non riceveremo dall’ASP la richiesta di chiusura di quel determinato plesso scolastico o altra misura di prevenzione, la Scuola potrà riaprire senza dovere attendere la cessazione della nostra Ordinanza;

– Le scuole private che potranno dimostrare di avere già eseguito gli screening sui loro iscritti e che dichiareranno di non avere casi di positività al contagio, potranno riaprire direttamente domani 30 novembre 2020 ma sono invitate a partecipare comunque alla campagna di monitoraggio del contagio;

– Possono invece riaprire già da domani gli Asili Nido, le Scuole dell’Infanzia e le Sezioni Primavere. Questa scelta è derivata dal fatto che non vi è stata evidenza di contagi tra questi piccoli alunni.

Possono riaprire domani anche le Ludoteche, anche se per loro abbiamo chiesto un chiarimento alla Regione Siciliana, non risultando chiaro se l’attività di Ludoteca rientri tra quelle dei centri ricreativi. Per non arrecare danni a nessuno, considerato che il DPCM consente tali attività (anche se con dei limiti) da domani potranno riaprire in attesa dei chiarimenti richiesti.

LEGGI ANCHE  GIORNATA MONDIALE DEI DIRITTI ALL'INFANZIA: FINO AL 20 NOVEMBRE RACCOLTA FARMACI PER I BAMBINI

Quante alle altre scuole De Luca ha detto che “ è necessario approfondire la questione ed eseguire uno screening su tutta la popolazione scolastica, perché solo così eviteremo la dispersione scolastica dovuta alla scelta dei genitori che, non sapendo se nella classe dei propri figli ci sia un caso di contagio o meno, in attesa che l’ASP completi i suoi accertamenti, decidono di non mandare i propri figli a scuola. Non me la sento di condannare i genitori, come invece vorrebbero fare certi super dirigenti scolastici, perché sono padre anche io e comprendo l’ansia di un genitore che rischia di esporre consapevolmente il proprio figlio al contagio.

Quello che posso e devo fare, come Sindaco ed Autorità Sanitaria locale, è impormi per fare eseguire la prima campagna di screening per la popolazione scolastica, ovviamente su adesione volontaria.

Ogni genitore sarà messo nelle condizioni, nella prossima settimana, di fare sottoporre il figlio all’esame tampone molecolare in modo che sapremo finalmente com’è la situazione nelle scuole primarie e secondarie di primo grado.”

[/cmsmasters_text][/cmsmasters_column][/cmsmasters_row]

Facebook
Twitter
LinkedIn
WhatsApp
Email
SEGUICI SUI SOCIAL

IN EVIDENZA

PIÙ RECENTI

PIÙ LETTI