PRENDE FORMA IL “NATALE DEL COVID”

[cmsmasters_row][cmsmasters_column data_width=”1/1″][cmsmasters_text]

Nonostante alcune regioni siano diventate gialle e dunque soggette a meno restrizioni (salvo le disposizioni dei sindaci) il governo nel consueto vertice settimanale di ieri ha fatto sapere che su alcuni punti non saranno previste concessioni.

Fra le  principali disposizioni che si profilano:  Ristoranti chiusi a Natale e Santo Stefano, “coprifuoco” alle 22 anche a Capodanno e la sera della vigilia, regioni blindate.

Basta  questo a fare capire che il natale del covid sarà certamente triste, soprattutto dal punto di vista degli affetti. Del resto, lo aveva già anticipato ieri il ministro per gli affari regionali Boccia che eccezionalmente quest’anno far nascere Gesù bambino due ore prima, non è eresia. Eresia è non accorgersi dei malati, delle difficoltà dei medici edella gente che soffre.

Su queste linee sta lavorando il governo, ma nulla ancora è stato deciso. Un  nuovo passaggio sarà fatto con il Cts e con le Regioni, oltre che dal governo stesso.  La linea però sembra chiara:  blindare il Natale, per limitare i rischi della terza ondata.

LEGGI ANCHE  MILANO TRA NEVE E “CHRISTMAS CAROL”

Sulla scuola ancora nessuna decisione certa, ma lunghe discussioni e tante incertezze. Dal blocco dei passaggi da una regione all’altra potrebbero essere esclusi  chi abbia il domicilio in una regione diversa da quella di residenza o per alcuni casi di ricongiungimento familiare.

Altri vertici sono in programma in questo fine settimana, mentre nella prossima si delineeranno regole che saranno introdotte nel periodo natalizio  quando si prevede che l’Italia intera potrebbe tornare ad essere zona gialla.

Al momento il governo dovrebbe varare un unico DPCM valido anche per il periodo natalizio a partire dal 4 dicembre, ma come sempre, su contenuti, dettagli, allentamenti e restrizioni l’ultima parola spetterà “ai contagi” .

LEGGI ANCHE  MESSINA: ANCHE NELL'ISOLA PEDONALE DI VIA DEI MILLE ARRIVA IL NATALE

[/cmsmasters_text][/cmsmasters_column][/cmsmasters_row]

Facebook
Twitter
LinkedIn
WhatsApp
Email