ALTRE CINQUE REGIONI DIVENTANO ARANCIONE

I dati dell’ultima settimana che riguardano gli aumenti dei contagi da Covid19 hanno portato all’inserimento nell’area arancione di altre cinque regioni. Dopo Sicilia e Puglia si aggiungono Abruzzo, Basilicata, Liguria, Toscana e Umbria. In area rossa entra la provincia di Bolzano.

L’ordinanza sarà firmata dal Ministro della Salute Roberto Speranza ed entrerà in vigore mercoledì.

Nella giornata di domani invece sarà esaminata la situazione che riguarda la Campania, che presenta tanti aspetti molto delicati sia sul fronte sanitario che su quello sociale ed economico.

Intanto per sostenere le imprese site nelle aree arancione e rosse il governo ha stanziato un fondo di 340 milioni di Euro nel 2020 ed altri 70 milioni nel 2021 per sostenere altre attività. Lo prevede il decreto ristori bis, bollinato e in attesa di pubblicazione sulla Gazzetta Ufficiale.

LEGGI ANCHE  MIGLIOR PANETTONE DEL MONDO, IL PASTRY CHEF MESSINESE LILLO VINCI SUL PODIO

Il provvedimento stanzia circa 1 miliardo per i contributi a fondo perduto ai nuovi codici Ateco aggiunti alla lista del Ristori 1 le nuove categorie coinvolte dalla stretta anti-Covid.

Altri 280 milioni verranno stanziati nel 2021 per i ristori delle attività site nei centri commerciali e per la filiera alimentare. Stanziati anche 234 milioni nel 2020 (e 78 nel 2021) per il credito d’imposta sugli affitti, 38 milioni per il ristoro ai Comuni per l’estensione della cancellazione dell’Imu, e 35,8 milioni per la sospensione delle tasse per gli Isa e circa mezzo miliardo per lo stop ai versamenti di novembre.

Prevista inoltre la sospensione del versamento dei contributi per il mese di novembre per le attività nelle zone rosse che saranno costrette a chiudere, come previsto dall’ultimo Dpcm anti-Covid

LEGGI ANCHE  NEL WEEKEND ARRIVA IL GRAN CALDO, PREVISTI 23°

Facebook
Twitter
LinkedIn
WhatsApp
Email
SEGUICI SUI SOCIAL

IN EVIDENZA

PIÙ RECENTI

PIÙ LETTI