EFFETTI DEL COVID TRA RESILIENZA E PAURA DEL CONTAGIO

[cmsmasters_row data_shortcode_id=”bsi4lpzaqf” data_padding_bottom_mobile_v=”0″ data_padding_top_mobile_v=”0″ data_padding_bottom_mobile_h=”0″ data_padding_top_mobile_h=”0″ data_padding_bottom_tablet=”0″ data_padding_top_tablet=”0″ data_padding_bottom_laptop=”0″ data_padding_top_laptop=”0″ data_padding_bottom_large=”0″ data_padding_top_large=”0″ data_padding_bottom=”50″ data_padding_top=”0″ data_bg_parallax_ratio=”0.5″ data_bg_size=”cover” data_bg_attachment=”scroll” data_bg_repeat=”no-repeat” data_bg_position=”top center” data_color=”default” data_bot_style=”default” data_top_style=”default” data_padding_right=”3″ data_padding_left=”3″ data_width=”boxed”][cmsmasters_column data_width=”1/1″ data_shortcode_id=”k3upxjyf6″ data_animation_delay=”0″ data_border_style=”default” data_bg_size=”cover” data_bg_attachment=”scroll” data_bg_repeat=”no-repeat” data_bg_position=”top center”][cmsmasters_text shortcode_id=”wn2x39uwtt” animation_delay=”0″]

Con il varo del nuovo DPCM gli italiani sono sottoposti a misure e regole di comportamento sempre più rigorose. Non c’è telegiornale o programma televisivo di informazione che non dedichi ampio spazio all’aumento dei contagi, sottolineando continuamente il pericolo che corriamo.

[/cmsmasters_text][/cmsmasters_column][/cmsmasters_row][cmsmasters_row data_shortcode_id=”mqfwoxdn4n” data_padding_bottom_mobile_v=”0″ data_padding_top_mobile_v=”0″ data_padding_bottom_mobile_h=”0″ data_padding_top_mobile_h=”0″ data_padding_bottom_tablet=”0″ data_padding_top_tablet=”0″ data_padding_bottom_laptop=”0″ data_padding_top_laptop=”0″ data_padding_bottom_large=”0″ data_padding_top_large=”0″ data_padding_bottom=”50″ data_padding_top=”0″ data_bg_parallax_ratio=”0.5″ data_bg_size=”cover” data_bg_attachment=”scroll” data_bg_repeat=”no-repeat” data_bg_position=”top center” data_color=”default” data_bot_style=”default” data_top_style=”default” data_padding_right=”3″ data_padding_left=”3″ data_width=”boxed”][cmsmasters_column data_width=”1/1″ data_shortcode_id=”yr109k645g” data_animation_delay=”0″ data_border_style=”default” data_bg_size=”cover” data_bg_attachment=”scroll” data_bg_repeat=”no-repeat” data_bg_position=”top center”][cmsmasters_text shortcode_id=”ymmobmbzr5″ animation_delay=”0″]

Ma che tipo di reazioni provoca tutto questo in ciascuno di noi?

Le reazioni emotive di fronte a tutto questo possono essere molto diverse. La resilienza, termine divenuto molto popolare in questa pandemia, è diversa da individuo a individuo, da comunità a comunità e lo stesso discorso può valere per intere società: dopo una catastrofe, una pandemia, un attentato c’è chi rimane in perenne stato di instabilità, chi sopravvive e gradualmente si riprende, chi invece crolla.

[/cmsmasters_text][/cmsmasters_column][/cmsmasters_row][cmsmasters_row data_shortcode_id=”dq7rrvflyj” data_padding_bottom_mobile_v=”0″ data_padding_top_mobile_v=”0″ data_padding_bottom_mobile_h=”0″ data_padding_top_mobile_h=”0″ data_padding_bottom_tablet=”0″ data_padding_top_tablet=”0″ data_padding_bottom_laptop=”0″ data_padding_top_laptop=”0″ data_padding_bottom_large=”0″ data_padding_top_large=”0″ data_padding_bottom=”50″ data_padding_top=”0″ data_bg_parallax_ratio=”0.5″ data_bg_size=”cover” data_bg_attachment=”scroll” data_bg_repeat=”no-repeat” data_bg_position=”top center” data_color=”default” data_bot_style=”default” data_top_style=”default” data_padding_right=”3″ data_padding_left=”3″ data_width=”boxed”][cmsmasters_column data_width=”1/1″ data_shortcode_id=”tz7wr1vs5l” data_animation_delay=”0″ data_border_style=”default” data_bg_size=”cover” data_bg_attachment=”scroll” data_bg_repeat=”no-repeat” data_bg_position=”top center”][cmsmasters_text shortcode_id=”y7osnd5iwl” animation_delay=”0″]

Paura e senso di impotenza

Questi nuovi provvedimenti restrittivi riattivano emozioni che nel periodo estivo avevamo un po’ messo da parte. La paura è senz’altro una delle emozioni prevalenti in questi mesi insieme all’incertezza per il futuro e all’ansia per questa minaccia invisibile, ad uno stato di disagio diffuso, di un pericolo non immediato ma incombente, una minaccia da cui difendersi senza ben sapere quando e come ne usciremo fuori. Tutto questo ci fa sentire impotenti. La pandemia ci ha posto di fronte al senso del limite, ha fatto crollare la nostra onnipotenza, ci ha mostrato la nostra impossibilità di controllare l’andamento delle cose.

LEGGI ANCHE  COVID-19. «BASTA ALLARMISMI»: A TU PER TU CON L'INFETTIVOLOGO MONDELLO

[/cmsmasters_text][/cmsmasters_column][/cmsmasters_row][cmsmasters_row data_shortcode_id=”9gd7n61ztb” data_padding_bottom_mobile_v=”0″ data_padding_top_mobile_v=”0″ data_padding_bottom_mobile_h=”0″ data_padding_top_mobile_h=”0″ data_padding_bottom_tablet=”0″ data_padding_top_tablet=”0″ data_padding_bottom_laptop=”0″ data_padding_top_laptop=”0″ data_padding_bottom_large=”0″ data_padding_top_large=”0″ data_padding_bottom=”50″ data_padding_top=”0″ data_bg_parallax_ratio=”0.5″ data_bg_size=”cover” data_bg_attachment=”scroll” data_bg_repeat=”no-repeat” data_bg_position=”top center” data_color=”default” data_bot_style=”default” data_top_style=”default” data_padding_right=”3″ data_padding_left=”3″ data_width=”boxed”][cmsmasters_column data_width=”1/1″ data_shortcode_id=”fzz0x6g49″ data_animation_delay=”0″ data_border_style=”default” data_bg_size=”cover” data_bg_attachment=”scroll” data_bg_repeat=”no-repeat” data_bg_position=”top center”][cmsmasters_text shortcode_id=”ihkjeajgck” animation_delay=”0″]

Come reagisce la nostra mente di fronte a queste ulteriori restrizioni?

Certamente tutto questo riattiva l’incertezza, per cui assistiamo quotidianamente ad un aumento dei disturbi di ansia, dei disturbi depressivi, dell’ipocondria, della diffidenza che in alcuni casi trasforma in paranoia. Per questa fascia più fragile di popolazione queste misure rappresentano una forma di tutela e quindi rientrano tra quelli che accettano tali misure di buon grado.

Dall’altra parte c’è invece chi pensa che queste misure siano una pericolosa limitazione della libertà personale, che percepisce l’illegalità di questi provvedimenti in quanto non conformi al dettato costituzionale.

Ci sono poi i negazionisti e i complottisti che hanno una visione estrema di ciò che sta accadendo.

[/cmsmasters_text][/cmsmasters_column][/cmsmasters_row][cmsmasters_row data_shortcode_id=”1phs58pg2p” data_padding_bottom_mobile_v=”0″ data_padding_top_mobile_v=”0″ data_padding_bottom_mobile_h=”0″ data_padding_top_mobile_h=”0″ data_padding_bottom_tablet=”0″ data_padding_top_tablet=”0″ data_padding_bottom_laptop=”0″ data_padding_top_laptop=”0″ data_padding_bottom_large=”0″ data_padding_top_large=”0″ data_padding_bottom=”50″ data_padding_top=”0″ data_bg_parallax_ratio=”0.5″ data_bg_size=”cover” data_bg_attachment=”scroll” data_bg_repeat=”no-repeat” data_bg_position=”top center” data_color=”default” data_bot_style=”default” data_top_style=”default” data_padding_right=”3″ data_padding_left=”3″ data_width=”boxed”][cmsmasters_column data_width=”1/1″ data_shortcode_id=”42ho8ec3bj” data_animation_delay=”0″ data_border_style=”default” data_bg_size=”cover” data_bg_attachment=”scroll” data_bg_repeat=”no-repeat” data_bg_position=”top center”][cmsmasters_text shortcode_id=”5p214pdk8n” animation_delay=”0″]

La situazione economica incerta porta con sé tantissime preoccupazioni.

Le reazioni oscillano quindi tra il panico e l’indifferenza, il catastrofismo e lo scetticismo. Ognuno di noi si difende come può di fronte alle situazioni difficili. C’è che razionalizza, chi nega, chi banalizza, chi vorrebbe più repressione. Ognuna di queste soluzioni difensive, cerca di tamponare, ma anche nascondere, l’angoscia che deriva dalla difficoltà a confrontarsi con un pericolo non immediatamente arginabile.

LEGGI ANCHE  PRIMA IL DOVERE E POI IL PIACERE... O NO?

[/cmsmasters_text][/cmsmasters_column][/cmsmasters_row][cmsmasters_row data_shortcode_id=”uq5nh41f9e” data_padding_bottom_mobile_v=”0″ data_padding_top_mobile_v=”0″ data_padding_bottom_mobile_h=”0″ data_padding_top_mobile_h=”0″ data_padding_bottom_tablet=”0″ data_padding_top_tablet=”0″ data_padding_bottom_laptop=”0″ data_padding_top_laptop=”0″ data_padding_bottom_large=”0″ data_padding_top_large=”0″ data_padding_bottom=”50″ data_padding_top=”0″ data_bg_parallax_ratio=”0.5″ data_bg_size=”cover” data_bg_attachment=”scroll” data_bg_repeat=”no-repeat” data_bg_position=”top center” data_color=”default” data_bot_style=”default” data_top_style=”default” data_padding_right=”3″ data_padding_left=”3″ data_width=”boxed”][cmsmasters_column data_width=”1/1″ data_shortcode_id=”s8n8mqf9td” data_animation_delay=”0″ data_border_style=”default” data_bg_size=”cover” data_bg_attachment=”scroll” data_bg_repeat=”no-repeat” data_bg_position=”top center”][cmsmasters_text shortcode_id=”wfu2jrykxa” animation_delay=”0″]

Restrizioni e senso di ribellione

Se è vero come ci ha insegnato Freud quasi un secolo fa, che la limitazione individuale è necessaria nella costruzione della civiltà, per cui ognuno deve rinunciare a qualcosa in nome del bene comune, è altrettanto vero che la repressione e le regole troppo rigide portano alla ribellione. Prudenza, condivisione, rispetto, responsabilità sono le virtù con le quali dovremmo far fronte alle difficoltà attuali.

E’ importante riuscire ad affrontare le vicissitudini dell’esistenza, accettandone l’incertezza e la complessità, evitando l’antieconomica illusione di pensare di potere governare quello che non è completamente governabile.

[/cmsmasters_text][/cmsmasters_column][/cmsmasters_row][cmsmasters_row data_shortcode_id=”iz1v5vcfa” data_padding_bottom_mobile_v=”0″ data_padding_top_mobile_v=”0″ data_padding_bottom_mobile_h=”0″ data_padding_top_mobile_h=”0″ data_padding_bottom_tablet=”0″ data_padding_top_tablet=”0″ data_padding_bottom_laptop=”0″ data_padding_top_laptop=”0″ data_padding_bottom_large=”0″ data_padding_top_large=”0″ data_padding_bottom=”50″ data_padding_top=”0″ data_bg_parallax_ratio=”0.5″ data_bg_size=”cover” data_bg_attachment=”scroll” data_bg_repeat=”no-repeat” data_bg_position=”top center” data_color=”default” data_bot_style=”default” data_top_style=”default” data_padding_right=”3″ data_padding_left=”3″ data_width=”boxed”][cmsmasters_column data_width=”1/1″ data_shortcode_id=”wtskrmn7pj” data_animation_delay=”0″ data_border_style=”default” data_bg_size=”cover” data_bg_attachment=”scroll” data_bg_repeat=”no-repeat” data_bg_position=”top center”][cmsmasters_text shortcode_id=”udubmh837b” animation_delay=”0″]

Scoprire il piacere della responsabilità personale

Dovremmo iniziare a guardare agli eventi attuali con occhi limpidamente allarmati, certo, ma né ingenuamente ottimistici o irresponsabilmente indifferenti, né distruttivamente catastrofisti. Non dobbiamo altresì trascurare il fatto che la nostra mente si ribella di fronte alle restrizioni soprattutto se eccessive e questo comporta il rischio di perdere di vista l’obiettivo principale, cioè la tutela della nostra salute. Sarebbe importante, come ci ricorda la psicoanalista A. Ferruta, poter imparare a scoprire il piacere della responsabilità personale, del prendersi cura della propria condizione come antidoto sia alla paura che all’indifferenza, perché questo ci permette di scoprire energie sconosciute, di utilizzarle per sé e di metterle a disposizione degli altri.

[/cmsmasters_text][/cmsmasters_column][/cmsmasters_row]

Facebook
Twitter
LinkedIn
WhatsApp
Email
SEGUICI SUI SOCIAL

IN EVIDENZA

PIÙ RECENTI

PIÙ LETTI