#BonuSicilia, CONFESERCENTI MESSINA CHIEDE LO STOP AL CLICK DAY

[cmsmasters_row data_shortcode_id=”y2s0uedpsc” data_padding_bottom_mobile_v=”0″ data_padding_top_mobile_v=”0″ data_padding_bottom_mobile_h=”0″ data_padding_top_mobile_h=”0″ data_padding_bottom_tablet=”0″ data_padding_top_tablet=”0″ data_padding_bottom_laptop=”0″ data_padding_top_laptop=”0″ data_padding_bottom_large=”0″ data_padding_top_large=”0″ data_padding_bottom=”50″ data_padding_top=”0″ data_bg_parallax_ratio=”0.5″ data_bg_size=”cover” data_bg_attachment=”scroll” data_bg_repeat=”no-repeat” data_bg_position=”top center” data_color=”default” data_bot_style=”default” data_top_style=”default” data_padding_right=”3″ data_padding_left=”3″ data_width=”boxed”][cmsmasters_column data_width=”1/1″ data_shortcode_id=”7xsy7ltudn” data_animation_delay=”0″ data_border_style=”default” data_bg_size=”cover” data_bg_attachment=”scroll” data_bg_repeat=”no-repeat” data_bg_position=”top center”][cmsmasters_text shortcode_id=”psz6asu9qf” animation_delay=”0″]

Troppe le criticità riscontrate dagli imprenditori messinesi nell’accesso al Bonus Sicilia attraverso il portale creato appositamente dalla Regione. Per questa ragione il presidente di Confesercenti Messina Alberto Palella chiede a gran voce che il click day, previsto per il 5 ottobre, venga rinviato.

[/cmsmasters_text][/cmsmasters_column][/cmsmasters_row][cmsmasters_row data_shortcode_id=”3qbiohd3tj” data_padding_bottom_mobile_v=”0″ data_padding_top_mobile_v=”0″ data_padding_bottom_mobile_h=”0″ data_padding_top_mobile_h=”0″ data_padding_bottom_tablet=”0″ data_padding_top_tablet=”0″ data_padding_bottom_laptop=”0″ data_padding_top_laptop=”0″ data_padding_bottom_large=”0″ data_padding_top_large=”0″ data_padding_bottom=”50″ data_padding_top=”0″ data_bg_parallax_ratio=”0.5″ data_bg_size=”cover” data_bg_attachment=”scroll” data_bg_repeat=”no-repeat” data_bg_position=”top center” data_color=”default” data_bot_style=”default” data_top_style=”default” data_padding_right=”3″ data_padding_left=”3″ data_width=”boxed”][cmsmasters_column data_width=”1/2″ data_shortcode_id=”c3qyhtxqep” data_animation_delay=”0″ data_border_style=”default” data_bg_size=”cover” data_bg_attachment=”scroll” data_bg_repeat=”no-repeat” data_bg_position=”top center”][cmsmasters_text shortcode_id=”7dlchvv1vg” animation_delay=”0″]

I problemi

Il click day va assolutamente bloccato, spiega Palella. Tantissime le segnalazioni di imprese che pur essendo in possesso di tutti i requisiti necessari, dal fatturato al numero dei dipendenti, nel portale per concorrere al finanziamento non risultano ammissibili, e numerose faq non hanno avuto alcuna risposta. C’è da sottolineare inoltre- aggiunge Palella– che alcune Camere di Commercio e agenzie siciliane sono rimaste sprovviste di smart card, indispensabili per la firma digitale della documentazione da inviare e molte aziende non hanno potuto presentare la richiesta, anche per via dei tempi strettissimi a disposizione. Altra criticità riguarda i codici Ateco. Alcune categorie di aziende infatti sono state escluse dal finanziamento poiché a livello nazionale le stesse categorie durante il lockdown hanno potuto proseguire la propria attività, e dunque non avrebbero diritto al Bonus. Così non è stato però a Messina e in altre realtà, dove per effetto di ordinanze sindacali hanno dovuto chiudere e oggi non possono nemmeno accedere al sostegno economico”.

[/cmsmasters_text][/cmsmasters_column][cmsmasters_column data_shortcode_id=”lx9aa1nti” data_width=”1/2″][cmsmasters_image shortcode_id=”0zmsjax1on” align=”none” caption=”Alberto Palella- Presidente Confesercenti Messina” animation_delay=”0″]20586|https://www.mestyle.it/wp-content/uploads/2020/10/Palella-telefono.jpg|full[/cmsmasters_image][/cmsmasters_column][/cmsmasters_row][cmsmasters_row data_shortcode_id=”2t2g6ryn5″ data_padding_bottom_mobile_v=”0″ data_padding_top_mobile_v=”0″ data_padding_bottom_mobile_h=”0″ data_padding_top_mobile_h=”0″ data_padding_bottom_tablet=”0″ data_padding_top_tablet=”0″ data_padding_bottom_laptop=”0″ data_padding_top_laptop=”0″ data_padding_bottom_large=”0″ data_padding_top_large=”0″ data_padding_bottom=”50″ data_padding_top=”0″ data_bg_parallax_ratio=”0.5″ data_bg_size=”cover” data_bg_attachment=”scroll” data_bg_repeat=”no-repeat” data_bg_position=”top center” data_color=”default” data_bot_style=”default” data_top_style=”default” data_padding_right=”3″ data_padding_left=”3″ data_width=”boxed”][cmsmasters_column data_width=”1/1″ data_shortcode_id=”4skf6awzv” data_animation_delay=”0″ data_border_style=”default” data_bg_size=”cover” data_bg_attachment=”scroll” data_bg_repeat=”no-repeat” data_bg_position=”top center”][cmsmasters_text shortcode_id=”z60nyrnpnh” animation_delay=”0″]

LEGGI ANCHE  GRANDE SUCCESSO A GANZIRRI PER LA CONCLUSIONE DI SEA IN SHELL

Le anomalie del bando

A queste enormi criticità vanno aggiunte le anomalie relative al bando, prima fra tutte la richiesta della regolarità del Durc, che rischia di avvantaggiare solo poche realtà rispetto alle tantissime imprese che potrebbero beneficiare del contributo a fondo perduto, come già denunciato da Confesercenti Sicilia.

“Allo stato attuale- conclude Alberto Palella– sono tantissime le aziende penalizzate dalla procedura in questione. Chiedere la regolarità del DURC in un momento di crisi economica senza precedenti, significa voler tagliare fuori la maggioranza delle imprese, senza considerare che per analoghe iniziative del Governo non è stata prevista questa richiesta, proprio in considerazione delle enormi difficoltà degli imprenditori. Per tutte queste ragioni chiediamo dunque al governatore Musumeci che il bando venga rivisto e il click day rinviato”.

[/cmsmasters_text][/cmsmasters_column][/cmsmasters_row]

LEGGI ANCHE  MESSINA OMAGGIA LE DONNE AFGHANE CON LA MOSTRA "SILENZIOSA"

Facebook
Twitter
LinkedIn
WhatsApp
Email
SEGUICI SUI SOCIAL

IN EVIDENZA

PIÙ RECENTI

PIÙ LETTI