ANTONIO PRESTI: L’ARTE E LA BELLEZZA PER RESTITUIRE DIGNITA’ A LIBRINO.

[cmsmasters_row][cmsmasters_column data_width=”1/1″][cmsmasters_text]

Librino non è un quartiere qualsiasi di Catania, Librino è periferia segnata dal dolore del degrado.”

Con queste parole Antonio Presti descrive il famoso e popoloso quartiere della città siciliana, che è diventato negli ultimi 15 anni un laboratorio artistico-sperimentale di recupero e restauro non solo di edifici, ma soprattutto di identità, una fucina di idee che concretamente mira a raggiungere quello che viene descritto dallo stesso mecenate come la “Politica della Bellezza”.

Il cantico di LIbrino.

Nel disegno dei suoi ideatori, Librino “doveva nascere bella, bellissima, pulita e grande”. Il progetto originale, a cura dell’architetto giapponese Kenzo Tange,  prevedeva l’accoglienza di circa 60.000 abitanti in un sistema moderno e funzionale. Una piccola città autosufficiente con una grande Università, un Ospedale, un Museo, centri commerciali, piste verdi per le passeggiate a piedi e in bici, strutture per il tempo libero.

Cosa ne è stato di quel progetto, purtroppo, è storia nota: agli edifici costruiti dalle cooperative, nel rispetto delle linee guida fanno da contraltare i palazzoni popolari in  stato di abbandono,  case costruite e occupate abusivamente. Oltre alla fatiscenza delle abitazioni, come sostiene il mecenate, “Librino soffre della mancanza di luoghi d’incontro, piazze attrezzate, cinema, impianti sportivi, teatri e negli anni si è conquistata la fama di  un quartiere a rischio, preda  della delinquenza locale.”

View of the Librino suburbs and Etna volcano at back .City of Catania Sicily. Italy
// Vue de la banlieue Librino et volcan Etna au fond . Ville de Catane. Sicile. Italie

 È in questo contesto che Antonio Presti decide di operare, spostandosi a Catania e affittando una grande casa nel centro storico che diventa fin da subito punto di riferimento artistico in continua trasformazione:  la Casa d’Arte Stesicorea, dalle cui finestre pendono alcuni grandi pannelli in cui, in varie lingue, con caratteri cubitali c’è scritto “Io amo Librino – J’aime Librino – I love Librino – Yo quiero Librino – Hich libe Librino”.   

L’obiettivo di Antonio Presti è stato da sempre quello di colmare le “mancanze” di Librino, cercando di riconsegnare, attraverso l’arte e la bellezza, la dignità di cittadini a colore che vivono il quartieri. E così Librino, luogo di “mancamento”, non solo di servizi essenziali, ma soprattutto di identità, diventa il “paradigma del suo sogno più grande.”

LEGGI ANCHE  SICILIA ARANCIONE, MA NON PER TUTTI. IL CASO MESSINA
Un particolare della porta della bellezza.

Negli anni il mecenate, insieme agli abitanti e artisti internazionali, fa rivivere il quartiere attraverso la bellezza: trasforma i palazzi fatiscenti, che finora erano offerti solo al degrado, in gallerie d’arte fotografiche  – il “Portale dell’identità” e il “Cantico di Librino”;  realizza insieme a 10000 alunni una porta lunga 500 metri, costituita da 13 opere monumentali e 900 forme di terracotta denominata Porta della Bellezza. Innumerevoli anche, gli interventi nelle scuole: il “chilometro di tela”; le “bandiere-quadro” realizzate dai bambini e successivamente donate agli ospedali della città; gli incontri con poeti e scrittori nazionali ed internazionali; gli spots pubblicitari realizzati da registi e videomakers a Librino.

LEGGI ANCHE  MANI PULITE SÌ MA NON TROPPO!

Presti ha voluto che la speranza si facesse arte a partire proprio dalle generazioni più giovani. Proprio per loro vengono organizzati incontri e iniziative con poeti, scrittori scultori, fotografi e video artisti di fama internazionali allo scopo di realizzare un museo a cielo aperto: Terzocchio – Meridiani di Luce.

“Fare esprimere la bellezza interiore a persone che si trovano in una situazione di disagio, di malessere, di rischio – sottolinea Presti – è un modo che può vivificare le emozioni implose in luoghi dove la depressione non è soltanto deprivazione di cose, né soltanto mancanza di strade, di piazze e di luoghi d’incontro, servizi e strutture di cui la popolazione ha bisogno, certo, ma che non possiamo essere noi artisti a dare. L’artista deve ricontattare l’anima degli uomini attraverso la bellezza. Ed è dalla consapevolezza di essere belli che può nascere una nuova coscienza degli abitanti del quartiere“.

I laboratori con i bambini del quartiere di Librino.

L’idea è quella di abbattere il limite dell’essere periferia e ridare a Librino una sua centralità all’interno della polis catanese. Per visualizzare questa emozione, la Fondazione Antonio Presti ha invitato, invita e continuerà ad invitare grandi artisti internazionali a Librino, dove vivranno quell’ordinario quotidiano del quartiere per riconsegnarlo, con la loro sensibilità, ad una rinnovata e straordinaria immagine.

Un’immagine dall’alto della porta della bellezza.

 

[/cmsmasters_text][/cmsmasters_column][/cmsmasters_row]

Facebook
Twitter
LinkedIn
WhatsApp
Email
SEGUICI SUI SOCIAL

IN EVIDENZA

PIÙ RECENTI

PIÙ LETTI