BASTA FANGO SU DI ME E SULLA MIA FAMIGLIA.

Daniele Mondello, marito di Viviana Parisi e del piccolo Gioele morti a Caronia, nelle scorse ore sulla sua pagina  FB ha lanciato una nuova dichiarazione. Oggi l’autopsia sul bimbo. Il corpo della donna, secondo le immagini dei droni si trovava lì dal 4 agosto.

In cinque punti Daniele Mondello ha spiegato la sua posizione:

1) mia moglie non ha mai toccato mio figlio neppure con un dito.

2) credo siano stati aggrediti da animali.

3) quanto prescritto a Viviana era finalizzato a lenire il suo stato d’ansia: a causa del Covid, e dei mesi di clausura forzata in casa, temeva per la sua famiglia. La stessa paura che abbiamo avuto tutti.

4) Finché vivrò e Viviana e Gioele mi daranno la forza di andare avanti lotterò fino alla mia morte per sapere la verita’

5) il mio dolore non ha confini ma non sono disposto a tollerare altro fango su Viviana, me o la mia famiglia.

Ieri gli avvocati della famiglia Mondello Pietro Venuti e Claudio Mondello. avevano presentato alla procura di Patti una querela contro ignoti per accertare presunte omissioni o ritardi sulle ricerche di Viviana Parisi e del figlio Gioele.

I due penalisti chiedono di sapere cosa è successo dal 3 agosto, giorno in cui Viviana ha avuto l’incidente stradale e fino al ritrovamento del cadavere.

LEGGI ANCHE  GIALLO DI CARONIA: DUE IMPRONTE SUL TRALICCIO.

Vogliamo che si indaghi – sottolineano i due legali – per capire se da parte di chi ha assistito all’incidente ci sono stati omissioni. Magari qualcuno poteva aiutare Viviana e non l’ha fatto, e anche se dopo qualcuna l’ha avvistata tra le campagne di Caronia e non è intervenuto per darle aiuto. Poi – concludono – vogliamo comprendere perché sono stati persi tanti giorni nelle ricerche e se ci sono stati ritardi. E nel caso, da cosa sono dipesi e da chi».

Intanto ieri le immagini dei droni hanno rivelato  che il corpo della  donna si trovava lì accanto al traliccio della pubblica illuminazione dal  4 agosto.

NOI CREDIAMO AD UNA FATALITA’

Secondo gli elementi in nostro possesso noi crediamo ad una fatalità, ad un tragico incidente” Ha ribadito l’avvocato Venuti, in merito alla morte di Viviana e del figlio Gioele, i cui resti sono stati trovati poco distanti dal corpo della mamma. L’autopsia del bambino sarà effettuata oggi, dopo una nuova ispezione dei luoghi.

Sempre ieri  Pm della Procura Angelo Cavallo in una nota stampa ha chiarito alcuni aspetti.

“Dall’esame dei fotogrammi  il consulente della procura ha accertato che già alle ore 10,15 circa del mattino del 4 agosto, era visibile ai piedi del traliccio il corpo di Viviana Parisi, verosimilmente nella identica posizione in cui qualche giorno dopo è stato ritrovato”.

LEGGI ANCHE  LA PIRAMIDE NON E’ UN LUOGO MISTICO. foto

Ha dichiarato  Cavallo, sottolineando che  “non si evidenziava la presenza del corpo del piccolo Gioele vicino a quello della madre”. “In ogni caso – ha aggiunto il magistrato nella nota – ulteriori elementi dovranno essere ricavati dal necessario e successivo approfondimento

Lo scorso  13 agosto la  Procura ha disposto l’acquisizione delle immagini satellitari dei luoghi inerenti la scomparsa di Viviana Parisi e del figlio Gioele, tratte dal sistema satellitare europeo “Costellazione Copernicus”. Tali immagini, allo stato, non sono risultate utili, ma, anche in questo caso, sono in corso ulteriori accertamenti ed approfondimenti tecnici. E’ in corso di valutazione anche l’eventuale contributo che potrà essere fornito dall’acquisizione di immagini ricavate da altri sistemi satellitari.

“Con riferimento alle indagini relative al decesso di Viviana Parisi e del piccolo Gioele Mondello, la Procura della Repubblica di Patti – ha detto il pm-   sta proseguendo  indagini per  acquisire elementi di prova e riscontri, con riferimento ad ogni possibile dinamica dei fatti, senza escludere o privilegiare alcuna ipotesi.”

Nella giornata di oggi sono previsti nuovi sopralluoghi nella zona di Caronia interessata dai fatti e nel pomeriggio l’autopsia sul corpo del piccolo Gioele, dalla quale si attendono ulteriori elementi utili alle indagini.

Facebook
Twitter
LinkedIn
WhatsApp
Email
SEGUICI SUI SOCIAL

IN EVIDENZA

PIÙ RECENTI

PIÙ LETTI