IN VIAGGIO PER LE “VIE DELLA ZAGARA”: 7 ITINERARI PER SCOPRIRE GLI AGRUMI SICILIANI

[cmsmasters_row][cmsmasters_column data_width=”1/1″][cmsmasters_text]

 

Incentivare il turismo relazionale e al contempo valorizzare gli agrumi siciliani. Con questi obiettivi nasce il progetto “Le vie della Zagara”, promosso dal Distretto Agrumi di Sicilia e dall’associazione Gusto di campagna.

Si tratta di un circuito che comprende sette itinerari alla scoperta delle eccellenze agrumicole Igp Dop e biologiche, in cui apprezzare la biodiversità, ma anche gli aspetti culturali e paesaggistici di cui la Sicilia è ricca.

Il progetto è raccontato in un nuovo portale web, www.leviedellazagara.com. Qui è possibile visualizzare anche i sette itinerari di viaggio nei territori dove crescono le varietà di agrumi più pregiate.

I SETTE ITINERARI

La via dell’arancia rossa di Sicilia Igp nella zona della Piana di Catania si estende nei tre territori che guardano l’Etna-Calatino, Terre di Leontinoi e Valle del Simeto, dove si coltiva prevalentemente l’arancia rossa Igp. Durante il percorso ci si può fermare in ville padronali o rurali e apprezzare anche le caratteristiche ceramiche artigianali di Caltagirone.

La via dell’arancia di Ribera Dop propone un itinerario che si sviluppa nella Sicilia sud occidentale. Si parte da Sciacca per poi raggiungere Ribera. Il viaggio prosegue con varie soste, tra cui quella alla maestosa Scala dei turchi, ma anche a Porto Empedocle, città natale del maestro Camilleri e a Palazzo Adriano, suggestivo borgo dell’entroterra diventato set di “Nuovo cinema Paradiso” di Tornatore.

LEGGI ANCHE  MIGLIOR PANETTONE DEL MONDO, IL PASTRY CHEF MESSINESE LILLO VINCI SUL PODIO

La via del limone di Siracusa Igp parte da Siracusa con una visita al limoneto, ma l’itinerario prosegue alla scoperta della colonia greca e delle sue bellezze storiche ed archeologiche tra cui il Teatro greco e l’orecchio di Dionisio. Una puntata ad Ortigia, il suggestivo isolotto all’interno della città. Il viaggio prosegue poi a Noto, capitale del barocco siciliano, ma anche attraverso riserve naturali come quella di Vendicari, per poi concludersi nel borgo marinaro di Marzamemi.

La via del limone Interdonato di Messina Igp inizia dalle Gole dell’Alcantara per proseguire verso Nizza di Sicilia. Si fa una sosta ad Alì Terme e Fiumedinisi con la sua riserva orientata, per poi spostarsi a Messina, “Porta della Sicilia”. Di ritorno si fa tappa a Savoca per poi concludere il viaggio visitando Taormina e Giardini Naxos con i loro panorami mozzafiato e le vie che trasudano arte e cultura.

LEGGI ANCHE  ALLA BIT DI MILANO LE ISOLE SICILIANE DIVENTANO SOCIAL

La via del limone dell’Etna conduce al territorio ionico etneo. Partendo dalla collina affacciata sul golfo di Catania, si continua alla scoperta dell’rea marina protetta dell’Isola dei Ciclopi, con i famosi faraglioni di Acitrezza, il paese de I malavoglia di Verga. Altre tappe ad Acireale, Santa Tecla, Stazzo e Pozzillo per poi concludere a Fiumefreddo.

La via del mandarino tardivo di Ciaculli da un’azienda agrumicola di Palermo. L’itinerario prevede, inoltre, una sosta al Castello Maredolce-La Favara sito nell’area agricola circostante la città, nella pianura della Conca d’Oro ricca di agrumeti coltivati a mandarino. Il percorso prosegue per Monreale e poi verso l’interno Sicilia alla scoperta del Parco della Ficuzza e si conclude a Palazzo Adriano.

La via degli agrumi biologici. Le produzioni biologiche sono presenti in tutti i territori coltivati ad agrumi in Sicilia ed è possibile declinare ognuno degli itinerari de Le Vie della Zagara in versione “bio”, entrando in contatto con aziende e realtà che operano in regime di produzione biologico certificato dagli organismi competenti.

[/cmsmasters_text][/cmsmasters_column][/cmsmasters_row]

Facebook
Twitter
LinkedIn
WhatsApp
Email
SEGUICI SUI SOCIAL

IN EVIDENZA

PIÙ RECENTI

PIÙ LETTI