ELENA SOFIA RICCI E IL SUO STREET FOOD NELLA FICTION “VIVI E LASCIA VIVERE”

[cmsmasters_row][cmsmasters_column data_width=”1/1″][cmsmasters_text]

E’ la storia di una rinascita
quella che approderà su Rai 1 domani sera in prima tv con “Vivi e lascia
vivere”, per la regia di Pappi Corsicato e che vedrà come protagonista Elena
Sofia Ricci. L’attrice dà il volto a Laura Ruggero, una donna che dopo una tragedia
che sconvolge la vita della sua famiglia si riscopre forte e coraggiosa e
riesce a reinventarsi un futuro anche grazie alla sua passione per la cucina.
Il personaggio di Laura trae ispirazione dalla celebre Filumena Marturano di eduardiana
memoria e anche la storia si snoda sullo sfondo di una Napoli vivace e
colorata, dinamica ed estremamente ricca di energia.

LEGGI ANCHE  AENNE BURDA, LA FONDATRICE DEL MITICO MAGAZINE SBARCA IN TV

LA TRAMA

Un grande segreto di famiglia
gelosamente custodito dà il via alla storia della famiglia Ruggero: la
cinquantenne Laura, che lavora come cuoca in una mensa, il marito Renato con
cui la protagonista è sposata da 20 anni e che suona a bordo delle navi da
crociera e i due figli adolescenti. Una vita apparentemente come tante fino al
giorno in cui Laura, di ritorno da un misterioso viaggio, parla ai figli e
comunica loro una terribile notizia: il padre non c’è più. Renato Ruggero è
morto in un incendio mentre la nave su cui era imbarcato era in sosta a
Tenerife.

LEGGI ANCHE  MÁKARI: LA NUOVA SERIE CON TANTE “CARTOLINE” DALLA SICILIA

Dalla cenere di quell’incendio,
dal mistero che avvolge quella morte la vita di Laura cambia profondamente. La
donna si reinventa insieme a tutta la famiglia. Riscopre il suo talento per la
cucina e dal nulla avvia un nuovo progetto, un’attività di street food. Anche
l’amore si fa strada nel cuore di Laura, con un uomo che torna dal passato e
che sconvolgerà nuovamente gli equilibri ricostruiti a fatica. Cosa ne sarà del
suo segreto? Per scoprirlo basta seguire “Vivi e lascia vivere”, da domani sera
su Rai 1.

[/cmsmasters_text][/cmsmasters_column][/cmsmasters_row]

Facebook
Twitter
LinkedIn
WhatsApp
Email